L’estate dell’UDAC

Dopo l’ultimo post (e la vittoria dei SI ai referendum, merito anche della mobilitazione dell’UDAC  con la partecipazione alla registrazione di ACQUORUM …), la stagione ha avuto un finale molto piacevole e insolito per le nostre abitudini: abbiamo cantato al matrimonio di Matteo, il fratello di Giulia, con Alda. Ci siamo presentati a sorpresa alla fine della cena, nel cortile di Maison Musique, mentre arrivavano gli invitati alla grande festa per gli amici della coppia, a cantare canti del maggio, stornelli e chanson a boire, repertorio insolito e preparato per l’occasione, senza tralasciare qualche strale di protesta in allegria. La sorpresa e l’emozione della sposa penso sia stata la più bella soddisfazione della serata…
La stagione nuova è ricominciata sull’onda della crisi e conomica e sociale che sta devastando l’Italia e l’Europa: un gruppo di cantori ha partecipato alla manifestazione per lo sciopero generale del  6 settembre, sfilando e cantando i nostri cavalli di battaglia in tema di lavoro e dintorni. Si sono uniti a noi alcuni amici di “Godereccia da Balera”, il gruppo che il mercoledì sera si incontra al circolo ARCI Amantes per cantare “canti partigiani, di lotta e tradizione popolare”, con cui abbiamo intrapreso un allegro rapporto di amicizia. Anche i vecchi amici dell’UDAC, che in queste occasioni non mancano mai, hanno unito le loro voci alle nostre. Ma soprattutto, come sempre quando cantiamo direttamente in mezzo alla gente, ci siamo ritrovati circondati da persone che spontaneamente ci hanno accompagnato, piene di entusiasmo e di curiosità per la nostra presenza.
Ma adesso è ora di altri progetti…

Questa voce è stata pubblicata in eventi. Contrassegna il permalink.

I commenti sono chiusi.